Da facebook al blog

Oggi metto on line alcuni post pubblicati negli ultimi tempi sul mio profilo Facebook. Sono piccole riflessioni, minuscoli pensieri usciti dalla mente tra una canzone e l’altra…

▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪

Un tempo adoravo la notte perchè pensavo che, di notte, la gente fosse più vera. Oggi preferisco l’alba. Perchè, di mattina presto, ci sono in giro più animali che persone. E gli animali hanno una dignità che gli esseri umani non avranno mai.

▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪

Non è un Paese per giovani.
Non è un Paese per gente onesta.
Non è un Paese per gente competente.
Non è un Paese per idealisti.
Ma è uno splendido Paese se sei un criminale, un raccomandato e un leccaculo.

 ▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪▪

Più passa il tempo e più condivido le parole dell’immenso Giorgio Gaber: io non mi sento italiano. Perchè l’italiano medio non ha memoria storica, lucidità politica, senso civico. L’italiano medio “vive” di furbizie assortite, di bieco opportunismo. E non riesce a concepire che qualcuno possa fare qualcosa senza ricavarne per forza un interesse….

Pausa di riflessione

Quest’anno “Guida alla Premier League-Liga-Bundesliga” non uscirà. Motivo: mi rifiuto di inserire la scheda di Giaccherini, nuovo acquisto del Sunderland! Scherzi a parte, non ci sono le condizioni editoriali/distributive per proporre (sarebbe stata la quinta stagione) un prodotto così “generoso” e impegnativo. Ricordiamo che stiamo parlando di un volume di 320 pagine, interamente a colori, curato fin nei minimi dettagli. Un libro dal respiro internazionale, che ha riscosso il plauso di molti addetti ai lavori ed appassionati. Alcuni di questi l’hanno cercato invano, cozzando contro le anomalie di una distribuzione spesso demenziale. La pausa di riflessione, quindi, era doverosa. In attesa di riproporre il prodotto nella stagione 2014/15, magari aggiungendo a Premier, Liga e Bundesliga anche la sempre più interessante Ligue 1. A questo proposito, per aggirare gli ostacoli burocratici, sto lavorando ad un nuovo progetto. Per adesso non aggiungo altro. Ma è mia ferma intenzione lanciare il volume anche all’estero. Ci ritorneremo. Nel frattempo potete godervi la mia ultima fatica “Coppa Campioni Story”, Curcio editore, reperibile nelle migliori librerie italiane.

Le bugie hanno le gambe di Brunetta…

Berlusconi è perseguitato dalla Magistratura, PD e PDL si odiano, Ruby era la nipote di Mubarak, Alfano non sapeva, la Bonino neppure, Renzi è uno statista, Massimo Giletti è un presentatore, Ligabue un genio della musica, Giaccherini il nuovo Garrincha e Alba Parietti non si è mai rifatta. Le bugie hanno le gambe di Brunetta, ma gli italiani se le bevono tutte senza fiatare. Oggi tutti in spiaggia a prendere il sole: la rivoluzione può attendere.

Sapore di Maher

C’è chi spende 12 milioni più bonus per Ogbonna, difensore più scarso di Bonucci (il che è tutto dire) e chi ne sgancia 8 per mettersi in casa un talento purissimo come Adam Maher, 20 anni fra 8 giorni, marocchino con passaporto olandese, che ha appena firmato un quinquennale con il PSV. Maher, arrivato all’AZ Alkmaar a 11 anni, è un centrocampista completo, con una particolare propensione per il ruolo di trequartista. In 66 partite in Eredivisie, dove ha esordito a soli 18 anni, ha realizzato 12 reti. Inoltre ha segnato un goal decisivo nella finale dell’ultima Coppa d’Olanda, vinta dall’AZ proprio contro il PSV. Piedi buoni, visione di gioco e grande conclusione dalla distanza sono le prerogative di Adam, abilissimo nei calci piazzati. Pilastro dell’under 21 olandese, Maher ha già debuttato nella nazionale maggiore. C’è chi spende 12 milioni più bonus per un difensore sopravvalutato e chi ne sgancia 8 per assicurarsi le prestazioni di un calciatore di grandi prospettive. Ecco, questa è la differenza tra calcio italiano e football europeo. Volete scommettere che entro un paio di stagioni Maher verrà acquistato da un club di primo piano per una cifra tre volte superiore a quella sborsata quest’estate dal PSV?