Il diario Mondiale del Blog (13°)

quaresmaDopo una serata ricca di colpi di scena, ecco i primi accoppiamenti degli ottavi di finale: Uruguay-Portogallo e Spagna-Russia. Che poi erano i miei pronostici iniziali. Certo non pensavo che le due favorite del girone avrebbero dovuto sputare sangue, sudore e lacrime per ottenere la qualificazione. La Spagna, voto 5, deludente anche contro il Marocco, vince il raggruppamento solo per aver segnato più goal del Portogallo. Ma sono stati i lusitani, voto 5, a vacillare negli ultimi secondi di recupero contro l’indomabile e a tratti commovente Iran, voto 7. A graziarli è stato Mehdi Taremi, che ha sprecato scelleratamente la palla del possibile 2-1. La news della giornata è però un’altra: anche Cristiano Ronaldo, voto 4, soffre la pressione esattamente come il tanto bistrattato Messi. La prova è il calcio di rigore fallito da CR7, che si è fatto ipnotizzare da Beiranvand, voto 7, che ha così riscattato l’errore di piazzamento sulla “trivela” di Quaresma.  Il Pallone d’Oro ha anche seriamente rischiato l’espulsione per una stupida sbracciata su un avversario, che l’arbitro, dopo il Var review, ha ritenuto solo da cartellino giallo.

L’Uruguay, voto 7,5, è la squadra più pragmatica del Mondiale. Gioca un calcio senza fronzoli e ricami, concede poco agli avversari (con la Croazia è l’unica nazionale ad aver mantenuto la porta imbattuta) e ha in attacco due top player come Suarez (voto 6,5) e Cavani (voto 6). Quest’ultimo, dopo aver inseguito la rete con la stessa pertinacia con cui il Wile coyote dei cartoni animati tenta di catturare Beep Beep, si è finalmente sbloccato. Altra buona notizia per Tabarez, voto 8 alla carriera. La Russia, voto 5, illusa dalle goleade contro Arabia Saudita ed Egitto, viene riportata drasticamente alla realtà dal roboante 0-3 finale, agevolato dal doppio giallo a Smolnikov, voto 4, terzo giocatore espulso della competizione dopo il colombiano Carlos Sanchez e il tedesco Boateng. Per i padroni di casa gli ottavi di finale rappresentano il traguardo massimo, vista la fragilità manifestata dagli uomini di Cherchesov al primo vero ostacolo. Il Terzo posto nel girone va all’Arabia Saudita, che batte a sorpresa l’Egitto. Nota di colore: il portiere quarantacinquenne Essam El-Hadary diventa il calciatore più anziano della fase finale. Traguardo festeggiato con il rigore parato ad Al-Muwallad.

Questo il programma di domani, con relativi pronostici.

Ore 16,00 – Australia-Perù 12, over

Ore 16,00 – Danimarca-Francia 2, over

Ore 20,00 – Islanda-Croazia 1X, under

Ore 20,00 – Nigeria-Argentina 2, over

Lascia una risposta